Temperature in calo a Napoli, Vesuvio innevato.

Scritto da il 26 Gennaio 2015

Vesuvio innevato dalla cima ai fianchi e colonnina di mercurio in picchiata: così si presenta questa mattina il vulcano agli abitanti di Napoli e provincia. Le temperature più fredde registrate la scorsa notte hanno favorito il formarsi di uno strato di neve ben visibile in queste ore dal Golfo di Napoli. A fine mese di gennaio arriverà sul nostro Paese, secondo i satelliti meteo e le proiezioni sullo spostamento delle masse nuvolose, un vortice polare che porterà molta pioggia al Sud Italia e neve a bassa quota. Napoli non sarà immune a questo repentino peggioramento delle condizioni climatiche. C’è di più: nei cosiddetti “giorni della merla” ovvero i giorni finali di gennaio, considerati secondo una leggenda molto conosciuta i più freddi dell’anno ci sarà una sensibile caduta della colonnina di mercurio con temperature che scenderanno nelle zone alte, sotto lo zero. Almeno fino al 10 febbraio dovremo dunque rassegnarci: cappotto, cappello, guanti e, molte volte occorrerà aprire l’ombrello.

Taggato come

Traccia corrente

Titolo

Artista