Paolo Siani ricorda Giancarlo: “Manca iniziativa culturale, la repressione non può sconfiggere da sola la camorra”

Scritto da il 23 Settembre 2021

“Solo la repressione non è sufficiente per sconfiggere la camorra. E’ mancata la parte culturale e il prendersi cura dei bambini e degli adolescenti che vivono nelle zone grigie senza opportunità. Sono minori che poi scelgono di vivere in determinate zone ed essere assoldati dalle mafie”. Lo ha detto il deputato Paolo Siani intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele su Radio Crc Targato Italia e in onda dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 9.

Nel giorno del ricordo del fratello Giancarlo, cronista del Mattino ucciso a 26 anni dalla camorra ha aggiunto: “Lo spingeva quel senso di giustizia che avevamo nella nostra famiglia. Torre Annunziata viveva in quegli anni la crisi industriale e lui entrava nelle fabbriche per parlare di lavoro”.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Traccia corrente

Titolo

Artista