Calemme (AS) a Radio CRC: “Oyarzabal e David Silva non ci saranno contro il Napoli”

Scritto da il 9 Dicembre 2020

“Silva e Oyarzabal non sono presenti nell’elenco dei convocati – queste le parole del giornalista di calciomercato.it e corrispondente AS, Mirko Calemme ai microfoni de “Il Sogno nel Cuore”, programma in onda su Radio Crc e condotto da Luca Cerchione, Floriana Messina e Diego Maradona Jr -.

L’ultimo ha dei problemi muscolari, quindi è giusto preservarlo, mentre per Silvia è stata un po’ una sorpresa, perché fino a ieri c’era l’ipotesi di un suo recupero, ma decidendo di farlo scendere in campo si aggraverebbe ulteriormente la sua condizione muscolare. Questo è un bel vantaggio per il Napoli che non avrà contro il giocatore più valido della Real Sociedad”.

Il giornalista ha poi commentato la partita di Champions disputata ieri tra Barcellona e Juventus: “Vincere con quel margine al Camp Nou è sempre un merito, ma va detto che questo è il peggior Barcellona di tutti i tempi.

Era un Barça, quello di ieri, totalmente differente rispetto a quello che abbiamo nel nostro immaginario, ma nonostante ciò, la Juve ha fatto una buona partita, trascinata da Cristiano che, al di là dei rigori, ha avuto un atteggiamento in campo straordinario e opposto a quello di Messi, che ormai è un fantasma nella squadra. Quando un calciatore per 20 anni – ha continuato Calemme – ha dato tutto ad una squadra e si ritrova poi senza stimoli e con la volontà di andare altrove, obbligarlo a restare causa queste prestazioni”.

Mirko Calemme ha poi continuato l’intervista commentando la situazione che sta vivendo l’argentino nella squadra spagnola: “Messi ha già la testa altrove e il prossimo anno giocherà al Psg oppure al Manchester City, ma questo dipenderà dal progetto che gli presenteranno.

Ad oggi non ci sono margini per rinnovargli il contratto, quindi il calciatore vivrà questo come l’ultimo anno al Barcellona. È vero che Messi guadagna 40 milioni all’anno, però prenderlo a parametro zero è un affare importante. Potrebbe ridursi un po’ lo stipendio, ma il suo obiettivo è quella di vincere la Champions.

L’argentino non riesce da solo a trascinare il Barcellona, ci è riuscito per un po’, ma il meglio lo ha dato quando era circondato da calciatori come Neymar, Luis Suarez, Xavi e Iniesta. Ritrovatosi da solo, in un Barcellona oggettivamente meno forte, i risultati sono partite come quella di ieri e un avvio in Liga disastroso.

Un suo sostituto? Non credo ne esistano al mondo, ma alla piazza serve un nome e Lautaro Martinez potrebbe essere uno di questi. Non è un caso che negli ultimi giorni ci siano stati contatti tra Lautaro e Jorge Mendes. Lasciando andare via l’argentino, la società recupererà un bel po’ di soldi e ciò consentirà di fare investimenti diversi.

Con il denaro utilizzato per pagare Leo Messi, il Barcellona potrebbe acquistare ben quattro grandissimi giocatori da 10 milioni all’anno.
Il Napoli? Se non opera delle cessioni non può muoversi, questa è la realtà. Mi riferisco soprattutto alla questione Ghoulam, bloccato dall’infortunio.

La società a gennaio si muoverà in tale senso, ma se non dovessero esserci grandi colpi in uscita non mi aspetto un grande mercato”.
Il giornalista ha poi continuato l’intervista parlando della partita che questa sera vedrà come protagonista il Real Madrid: “Non sta bene, forse un po’ meglio del Barcellona, ma questa sera il Real dovrà impegnarsi tanto.

Questa, essendo una finale, mi aspetto che la squadra la vinca, mi sorprenderebbe tanto non vedere i blancos agli ottavi. Dovesse andar male, non escludo che Zidane possa ricevere il benservito, presente nell’aria da un bel po’ di mesi.

Formazione di domani ? Mi aspetto i migliori 11, con Ospina in porta, Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly e Mario Rui in difesa, Fabian e Bakayoko a schermo, Zielinski sottopunta con Politano favorito su Lozano a destra, Insigne a sinistra e ovviamente Mertens in attacco”.

L’intervista si è poi conclusa parlando della situazione di Fabian Ruiz: “Il Real e il Barça seguono Fabian da tempo, ma per adesso è difficile operare perché il Napoli chiederà 80-90 milioni di euro e le società spagnole non hanno intenzione di spendere tali cifre.

Il Real Madrid punterà su Mbappè e il Barcelona dovrà sostituire Messi, ma ciò non toglie che il giocatore piaccia molto ad entrambe le squadre.

Se questa crisi terribile che stiamo vivendo dovesse almeno diminuire con la riapertura degli stadi e, quindi, dando per il 2021-22 delle prospettive diverse, magari il mercato estivo 2021 può regalarci qualche sorpresa e la certezza che, se il Real avrà un margine di manovra, un tentativo per Fabian lo rifarà. Ricordo che prima della pandemia il Real Madrid era disposto a spendere per il
giocatore ben 80 milioni”.


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist