Enzo Amendola a Crc: “De Magistris rinchiuso in una bolla di parole. Pd-M5s, alleanza cresce se trova soluzioni”

Scritto da il 9 Ottobre 2020

“Il prossimo sindaco di Napoli deve avere in testa tutta l’area metropolitana”. Il ministro degli Affari Europei Vincenzo Amendola è intervenuto nella trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele in onda su Radio Crc Targato Italia dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 9.

Sulle opportunità dei fondi Europei il ministro specifica che è stato fatto “un accordo il 21 luglio importante per il Sud e la Campania, un fondo alimentato a Bond da 700 miliardi. Abbiamo ratificato il bilancio per l’Unione europea con 100 miliardi per finanziamenti e co-finanziamenti. In questa fase difficile,  dall’Europa abbiamo ricevuto risorse per imprese e città, un elemento di fiducia. Quello che dobbiamo fare, sarà programmarli bene. Non dobbiamo avere ritardi e occorre soprattutto spenderli bene”.

In Campania, Calabria e Lazio la Banca d’Italia ha registrato operazioni di liquidità sospette durante l’emergenza Covid-19 . “Uno dei pericoli sull’utilizzo dei fondi Europei riguarda le infiltrazioni e le frodi, infatti qui al ministero abbiamo un gruppo della guardia di finanza che si occupa di questo”, ha aggiunto Amendola.

Sud e disoccupazione sono le due grandi sfide: “Bisogna dimostrare di essere all’altezza del compito” e “dobbiamo aggredire la disoccupazione, soprattutto giovanile e femminile intervenendo su vari segmenti”.

Per Napoli il ministro che è già stato segretario del Pd Campania ha le idee chiare su cosa dovrà fare: “ho l’impressione che il prossimo sindaco di Napoli dovrà avere in testa non solo la città ma l’area metropolitana. I problemi si risolvono su una scala che va oltre i confini cittadini. Il sindaco uscente si è chiuso in una bolla di parole nel centro città. Napoli è fatta da milioni di persone dell’area metropolitana e la programmazione dei fondi Europei si fa su scale più larghe ed economie più vaste come trasporti, piccole e medie imprese e rigenerazione urbana”.

Infine sul ruolo del partito a Napoli Amendola conferma la fiducia a Sarracino e al gruppo dirigente: “Marco ha dimostrato di saper combattere le sfide con serietà. Il partito deve tornare ad essere una comunità perché troppe volte è stato sfilacciato e diviso. Io credo nel partito, il lavoro che bisogna fare è trovare la fiducia tra eletti, territorio e sezioni”. 

 

 

 

 


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist