Sfratti, vince il buon senso: il Comune rinvia sine die

Scritto da il 7 Luglio 2020

Di Taisia Raio

Un altro sfratto, di nuovo Posillipo. E nello stesso edificio della signora anziana morta per un infarto dopo la notifica di lasciare l’abitazione. “Barba&Capelli”, la trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio CRC Targato Italia, è entrata con i suoi microfoni nella casa della signora Imma Ingangi che “vorrebbe una soluzione alternativa prima di lasciare la casa” dove vive con i suoi 3 figli affetti da patologie.

E questa mattina arriva subito un risultato importante dopo la trasmissione: il Comune di Napoli sospende i sopralluoghi a data da destinarsi: accolto l’appello della signora Ingangi e del suo avvocato Angelo Pisani che esulta: “sospese queste procedure vergognose dopo la morte della signora Grazia”.

A Barba&Capelli il dibattito si è infiammato con il botta e risposta tra esponenti dell’Amministrazione e lo stesso Pisani. Monica Buonanno, assessore alle politiche sociali del Comune di Napoli, ha affermato che “nella nostra lettera era scritto ben chiaro che per qualsiasi tipo di problema si sarebbe potuta rivolgere alla NapoliServizi, avendo così la contezza della situazione”. “Il Comune di Napoli – ha aggiunto l’assessora – non lascia fuori nessuno, anche in situazioni più complicate. E’ necessario chiarire che l’amministrazione non sfratta perché deve mettere in vendita, ma mette in attenzione che per alcuni alloggi devono essere cercate soluzioni alternative”.

L’assessore non convince l’avvocato Angelo Pisani, legale della signora Ingangi, che parla di “situazione vergognosa anche perché si doveva dichiarare lutto cittadino per l’anziana signora Grazia” e continuerà “a difendere queste persone sotto sfratto”.

Replica l’Amministratore delegato di NapoliServizi Salvatore Palma, ex assessore al Bilancio del Comune di Napoli che dice di dover rispettare le procedure previste dalle norme vigenti: “La NapoliServizi fa un lavoro tecnico, quindi manutentivo, ma andiamo anche a verificare i rapporti di utenza. In particolare, ci è stata chiesta un’istruttoria delle palazzine di via Posillipo. Dal Comune ci è arrivata la disposizione di mandare, poiché i contratti erano scaduti e non rinnovabili, immediatamente le lettere di rilascio e messa in mora. Gli sfratti sono sospesi, ma la procedura amministrativa va avanti. Chiaramente noi seguiamo le procedure, non facciamo quello che ci viene in mente di fare. Il proprietario ha delle norme e delle leggi alle quali attenersi e noi seguiremo queste indicazioni”.


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist