Per “Ventinove e Trenta” a “Napoletani Belli”

Scritto da il 29 Aprile 2019

Ricomincia la settimana con un nuovo appuntamento della rubrica dedicata alla trasmissione radiofonica “Napoletani Belli”, in onda dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 21 su Radio CRC (FM 100.5 o in streaming su www.radiocrc.com).

Al fianco di Ettore Petraroli, in conduzione anche Federico per raccontare per l’ultima volta in questa stagione le Storie di Napoli. Protagonisti della puntata del lunedì sono stati i Ventinove e Trenta. Il cantante Carlo De Rosa, presente nei nostri studi, si è subito presentato ricordando i lavori in uscita: “Il nuovo disco esce l’8 maggio. Il singolo che sta già girando s’intitola ‘Cu ‘o core mmano’. Il gruppo è nato 4-5 anni fa dinanzi una birra, da quella sera il nostro sogno diventa sempre più grande giorno dopo giorno. In tutto quello che si ascolta nel disco si nota una mescolanza dei nostri generi”.

Prima telefonica con Raniero, attivista della rete stop biocidio: “Una serie di movimenti, comitati e gruppi. Artisti come Carlo ci aiutano per le nostre cause. Ultimamente stiamo provando a sensibilizzare cittadini e governi su questioni ambientali. In Campania in particolare ci occupiamo dello sversamento illegale di rifiuti, fenomeno che ha incentivato tante morti ed ha abbassato il livello qualitativo dei cittadini nella nostra regione. Ogni settimana ci riuniamo in assemblea per organizzare tutto il lavoro e coordinare i vari comitati. Il mercoledì dalle 18 ci trovate sempre a Mezzocannone”.

Spazio poi a Matteo, rappresentate Ex Opg: “Era una struttura di dolore, torture e da 4 anni è stata riaperta. Da quel momento si è creata una grande comunità. Ogni volta, sapendo quello che era precedentemente quel posto, mi emoziona. Facciamo tantissime attività per il sociale ogni giorno e ci sono molti volentieri che vanno avanti con grande passione. Economicamente siamo finanziati tramite donazioni che le persone ci fanno durante gli eventi organizzati”.

E’ intervenuto anche Luca, vicepresidente di Borgo Ferrigni, associazione che vuole rivalutare la zona dei baretti di Chiaia: “Stiamo lottando da tempo e in molti stiamo cercando di combattere tutte le cose che degradano la zona. Frequentavo da piccolo la zona, anche se sono di Posillipo. Il nostro obiettivo è quello di rivalutare il quartiere facendo iniziative sociali. L’amministrazione comunale ci sta dando una mano e a breve questo progetto presentato nel 2017 dovrebbe essere approvato”.

Infine è toccata a Kadir, anch’egli attivista dell’Ex Opg e si occupa di migranti e rifugiati a Napoli:Forniamo assistenza ai migranti, c’è una scuola d’italiano, un laboratorio e tante iniziative per queste persone. Sono nato e cresciuto a Napoli. Sono stato adottato perché i miei genitori sono Somali”.

Puntata 39 – Lunedì 29 Aprile 2019

articolo a cura di Francesco Gala


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist