Il week end di Pasqua tra arte antica e contemporanea con la rete MANN e Madre per MA-MA

Scritto da il 19 Aprile 2019

Al MANN e al Madre con MA-Ma Tour, un regalo di Pasqua per i tanti turisti e cittadini amanti dell’arte.

I due musei fanno rete in occasione della mostra Canova e l’antico, in programma fino al 30 giugno che ha già registrato in pochi giorni ben oltre i 60.000 visitatori,  e dell’ultima settimana di apertura della retrospettiva Robert Mapplethorpe. Coreografia per una mostra(sino al 22 aprile): sarà proposta una speciale scontistica ai visitatori che percorreranno quello che si può definire un chilometro in bellezza, ovvero la distanza tra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ed il museo d’arte contemporanea della Regione Campania.

 Fino a lunedì 22 aprile, compresi i giorni festivi, presentando il biglietto del MANN o la Card di abbonamento annuale Open MANN, sarà possibile accedere al Madre al costo di 3 euro, e viceversa, con il ticket del Madre si visiterà l’Archeologico al prezzo ridotto di 7,50 euro.

 Sabato 20 aprile sarà in programma, inoltre, una visita guidata gratuita alle ore 10.30 (prenotazione consigliata, ingresso ridotto MA-Ma Tour in entrambi i Musei): il tour partirà dalle oltre 160 opere della mostra dedicata a uno dei maestri della fotografia del XX secolo, Robert Mapplethorpe, curata al Madre da Laura Valente ed Andrea Viliani e realizzata in collaborazione con la Robert Mapplethorpe Foundation di New York.

Si arriverà, poi, nelle sale del MANN, diretto da Paolo Giulierini, per visitare la mostra su Canova curata da Giuseppe Pavanello ed organizzata da Villaggio Globale International: l’esposizione comprende più di 110 capolavori del maestro veneto, tra cui spicca la celebre scultura de “Le Tre Grazie”, proveniente dall’Ermitage di San Pietroburgo.

Con MA-Ma Tour, i due musei rinnovano la loro collaborazione e proseguono una virtuosa politica di sinergia, basata sul confronto di metodologie e sui prestiti, come nel caso delle sculture provenienti dal MANN inserite nel percorso espositivo su Mapplethorpe.

Inoltre, al Museo Madre la domenica di Pasqua sarà in programma alle ore 11.00 una visita dedicata esclusivamente a Coreografia per una mostra, per esplorare i motivi della ricerca artistica del fotografo statunitense: dall’affievolimento dei confini tra dolore e piacere e tra generi e identità sessuali fino al seducente glamour della scena artistica e culturale newyorkese, mescolato, in un gioco di evocazioni, ad una Napoli in perenne oscillazione tra vita e morte. Per entrambe le visite la prenotazione è obbligatoria.

Una Pasqua in arte anche per i più piccoli

Domenica 21 aprile sarà poi programmato, alle ore 16.00, Il gioco dell’arte. Easter edition, visita-gioco per bambini dai 3 agli 8 anni: Un primo approccio all’arte contemporanea in un’attività per bambini che trasforma il museo in un monumentale Gioco dell’Oca. I piccoli partecipanti attraverseranno il percorso della Collezione site-specific del Madre, scoprendo “casella dopo casella” nuove opere fino al traguardo finale. Perché, come afferma Daniel Buren, “l’arte deve essere semplice e immediata, come un gioco da bambini”. La prenotazione è obbligatoria, e ai partecipanti è riservato l’ingresso al museo con biglietto famiglia (bambini 4 euro; adulti accompagnatori 2 euro – massimo 2 adulti per ogni bambino).

Una Pasquetta all’insegna dell’Earth Days

Per Pasquetta il Madre si tinge di verde in occasione di Happy Earth Days 2019, che celebra la Giornata Mondiale della Terra e giunge quest’anno alla sesta edizione con il tema “Climatiche sociali – Le radici del cambiamento”. Alle ore 11.00 il direttore del Madre Andrea Viliani condurrà una visita (prenotazione obbligatoria, visita gratuita, ingresso al museo a pagamento) accompagnato dagli organizzatori dell’evento Tiziana de Tora e Marco Papa, con focus sulle opere realizzate nel corso dei workshop #MadreTerra, promossi dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee in collaborazione con T.A.NA.-Terranova Arte Natura e ArtStudio’93, nell’ambito del programma annuale dedicato all’integrazione sociale Io sono Felice!Dal 19 aprile al 6 maggio saranno visitabili nel Mezzanino e nel Cortile delle Sculture le opere Prestami la tua voce di Marisa Albanese, Intime camere ecoiche di Neal Peruffo e Massimo Scamarcio, Penelope di Eugenio Giliberti e MeM – Me e Madre di Silvia Capiluppi, oltre ad un video documentario che racconta lo svolgimento dell’intero progetto.

 


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist