La voce universale di Brunella Selo a “Napoletani Belli”

Scritto da il 8 Aprile 2019

Riparte la settimana con un nuovo appuntamento della rubrica dedicata alla trasmissione radiofonica “Napoletani Belli”, in onda dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 21 su Radio CRC (FM 100.5 o in streaming su www.radiocrc.com). Al fianco di Ettore Petraroli questa sera c’è stata Brunella Selo, cantante e musicista.

Sono molto contenta di essere nei vostri studi. Per me è un posto del cuore Radio Crc. Riesco a raccontare tutta Napoli con la mia musica? Credo che sia perché mi sento davvero dentro le cose che canto. Ora sono alle prese con un nuovo progetto musicale dal nome Vesuvião”, ha esordito così la nostra protagonista di serata.

Prima telefonica con Antonella Ferraro, assessore alla cultura al Comune di Cercola:Sono presidentessa di un’associazione dal nome Ailo, dopo il mio sofferente percorso, ho pensato di mettermi a disposizione per tutelare i pazienti obesi e guarirli da questa malattia. Quando mi guardo allo specchio a volte mi vedo dimagrita e in altre mi rivedo in quella vecchia. La zona più trafficata di Cercola? Quando ci si inoltra verso i paesi vesuviani e nelle parti in cui c’è una forte densità abitativa o dove ci sono le scuole”.

Spazio poi a Luca Iavarone, ragazzo multitasking, come definito da Brunella. Voce nota per i nostri radioascoltatori visto che per diverso tempo è stato protagonista di “Napoletani Belli” con Ettore: “Brunella è una luce nella vita di tutti quelli che hanno l’opportunità di incrociarla. E’ sempre sorridente e non se la tira, nonostante potrebbe farlo. Inoltre condividiamo una grande passione per il Brasile. E’ molto ricettiva ed è brava a saper poi trasmettere a tutti quello che apprende. Voglio dire che Brunella è una donna di contenuti, non da contenitori”.

Prende nuovamente la parola Brunella Selo: “Sono stata a Sanremo nel 1999 ed ho duettato con Nino D’Angelo la canzone Senza giacca e cravatta. Tante volte mi hanno detto che faccio un prodotto di nicchia, un po’ come se mi volessero dire che nessuno mi sente. La Resilienza? Nel mio immaginario è la casa di riposo per anziani”.

E’ intervenuto anche Vincenzo per raccontare una piacevole iniziativa: “Sono onorato del fatto che Brunella abbia accettato di collaborare con me. Faccio parte dell’Onlus Genitori Insieme ed abbiamo costituito un coro con bambini ricoverati, genitori, dottori e medici. L’aiuto di Brunella è davvero speciale, già dopo il secondo incontro tutti già cantavano al meglio. C’è una grande partecipazione e ci vediamo due volte al mese. Nei nostri canali sul web ne parliamo di questa bella iniziativa. Siamo molto fortunati perché questa donna ha davvero un cuore enorme e lei ha preso a cuore questo progetto. Però posso dire che fa bene a tutti!”.

In chiusura abbiamo avuto Gaetano Da Ponte, padre della sfortunata Bianca che a ridosso della pubblicazione del suo primo album perse la vita e da quel momento è stato istituito un premio che porta il suo nome: “Non sono un addetto ai lavori e non intendo diventarlo. C’è stata questa tragedia che ce l’ha portata via e l’idea era quella di tenerla in qualche modo con noi. Abbiamo dato il via a questo premio che all’inizio sembrava una scommessa, ora invece è diventato molto prestigioso ed infatti a volte non mi sento all’altezza. Brunella è stata la madrina della prima edizione e alla vigilia della seconda edizione decise di cantare un brano che caratterizzava Bianca e la identificava. Ogni edizione è completamente dedicata alle cantautrici donne, cosa unica in Italia”.

Puntata 36 – Lunedì 8 Aprile 2019
articolo a cura di Francesco Gala


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Current track

Title

Artist