Aiutare il prossimo: storie di solidarietà a Napoletani Belli

Scritto da il 9 Febbraio 2019

“Stasera il sorriso è una costante”
Ettore Petraroli

Mentre la 69esima edizione del Festival della canzone italiana giunge alla sua penultima puntata, nella trasmissione dei Napoletani Belli si parla di esperienze, avventure, solidarietà, suoni, rumori ed emozioni. Dopo una breve introduzione, ecco a voi il racconto dell’episodio scritto e ideato dallo Speaker Ettore Petraroli in collaborazione con Davide D’Errico. Benvenuti ad un nuovo appuntamento della rubrica dedicata alla trasmissione radiofonica “Napoletani Belli”, in onda tutti i giorni dalle 19 alle 21 su Radio CRC (FM 100.5 o in streaming su www.radiocrc.com).

“Un grande mito del volontariato e dell’animazione per bambini”
L’ospite principale di questo nuovo episodio Pasquale Pennino, il quale non solo è un grande amico del co-conduttore dell’odierna puntata, ma è una persona molto impegnata nel sociale che ha vissuto tante esperienze e tante avventure a contatto con i bambini e la natura. Nato e cresciuto ai Camaldoli, oggi si dedica e si occupa completamente di volontariato in quartieri difficili come Sanità e Scampia.  Dopo aver introdotto un particolare gioco che consiste nel realizzare dei balletti sulle note di parole inventate, il nostro protagonista si accinge a spiegare ed a giocare con Ettore e Davide.

La prima persona introdotta dal Pasquale è Francesco, un suo compagno di avventure nelle esperienze a contatto con i bambini nella parrocchia e nei campi estivi . Una persona “che conta” e che crede in queste attività volte al regalare un sorriso, come definisce il nostro ospite principale. In diretta, Francesco spiega che l’essere nati in un quartiere con pochi punti di riferimento ha consentito di assumere un atteggiamento positivo che poi ha portato alla nascita di vari progetti che oggi fungono da punti di contatto. “Per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli, per sorridere 19”, afferma il nostro Ettore, su consiglio della regia, ricordando un vecchio detto.

La seconda Napoletana Bella dell’episodio è Giusy, una madre che, come dice il nostro ospite principale, ha scelto con coraggio di crescere due bambini nonostante il contesto di vita ed un lavoro difficile. La donna si occupa della realizzazione di regali e oggetti decorativi per le feste dei bambini, come ad esempio una Pinhata che ha creato qualche tempo fa. Una domanda posta dal nostro Ettore riguardo al “coraggio di essere mamma” porta ad uno spunto di riflessione sulla crescita dei figli. Per Giusy, infatti, “essere mamma significa ricevere tanto amore, dare tanto amore e fare tante rinunce”.

“Una passione che ti travolge e che non riesci più a farne a meno”
La giovane Federica è la terza persona introdotta da Pasquale, una ragazza di 21 anni che oltre a studiare e lavorare, fa la crocerossina e dedica il suo tempo alle attività di volontariato. La sua passione e la propensione per aiutare il prossimo nasce grazie alla sua famiglia legata ai valori, in particolare suo padre. Quest’ultimo, stimolato la figlia figlia e l’ha introdotta alle attività di crocerossina dopo averle raccontato di aver tenuto un corso di primo soccorso che gli ha permesso di salvare la vita ad un malcapitato. Una passione, un valore, la voglia di crescere e di dedicare il tempo per i più sfortunati. Un fantastico passatempo che ha cambiato la giovane vita di Federica.

L’ultimo ospite di questa puntata del Venerdì sera è Paolo, “la sensibilità fatta persona” secondo il protagonista dell’episodio. Questa persona, oltre a fare compagnia ad un ragazzo diversamente abile, si mette a disposizione per le case famiglia. Insieme alla sua fidanzata o ad un suo amico, consente ai ragazzi disabili di poter avere una vita come tutti gli altri organizzando incontri il Sabato sera. “Una politica attiva, quella vera” come definiscono i nostri Ettore e Davide che permette a questi ragazzi, nonostante le mille problematiche come le barriere architettoniche, di poter vivere un momento di spensieratezza.

Le esperienze di questa sera ci hanno permesso di avere un quadro generale del mondo del volontariato e delle persone che ruotano intorno a questo microuniverso. Un esempio concreto di supporto che per molti è diventato una missione di vita e che ogni giorno aiuta tante persone sfortunate a vivere giorni migliori. E voi, avete mai svolto esperienze di volontariato? Se sì, vi hanno cambiato la vita ed il vostro modo di pensare?

Puntata 8 – Venerdì 8 Febbraio 2019
di Davide Saponaro


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Radio CRC

Current track
TITLE
ARTIST