Valeria Golino a Napoli per il suo Euforia

Scritto da il 22 ottobre 2018

Euforia è il titolo del secondo film diretto da Valeria Golino presentato con successo a maggio del
2018 al Festival di Cannes nella sezione “Un Certain Regard” così come era avvenuto cinque anni
fa alla sua opera prima Miele.

Protagonisti Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio, entrambi in due interpretazioni strepitose nei panni dei Ettore e Matteo, due fratelli molto diversi.

Ambientata nella Roma dei giorni nostri, è la storia di questi due uomini che sono obbligati a riavvicinarsi a causa di una situazione difficile vissuta da uno dei due. Il primo, Matteo
(Riccardo Scamarcio), vive a Roma ed è un giovane imprenditore carismatico. Si occupa d’arte
negli ambienti vaticani e vive famelicamente la vita, è dichiaratamente omosessuale ma irrisolto e
fugge dai legami coltivando il culto dei soldi, della droga e del sesso e pensa di potere tutto.

Il fratello Ettore (Valerio Mastandrea), è invece convinto di non volere niente, è un uomo pacato,
discreto e disilluso che ha sempre preferito restare nell’ombra e che al momento è in crisi con sua moglie (Isabella Ferrari). Coltiva una relazione con una collega (Jasmine Trinca) ma continua a
vivere con la madre nella casa di famiglia a Nepi, la piccola città di provincia dove lavora come insegnante di scienze naturali.
Quando l’incerto e compassato Ettore si ammala e deve raggiungere Roma per curarsi, viene informato solo in parte della gravità della sua situazione e viene accolto in casa da Matteo che
decide di stargli vicino con il suo modo confuso ed egocentrico di stare al mondo e di nascondergli la gravità della sua situazione. I due fratelli si incontrano e si scontrano, si scoprono, si riscoprono,
si vedono e si ri-vedono con occhi nuovi da adulti. Nascerà così un nuovo modo di concepire la fratellanza tra due persone fino a quel momento divise per formazione e carattere e costrette dalle
rispettive inclinazioni ad allontanarsi e in seguito di nuovo costrette dalla vita a ricalibrare il loro legame.

<<Il titolo proviene da quella sensazione bella e pericolosa che coglie i subacquei quando si trovano a grandi profondità e si sentono felici e liberi. Si tratta però di una sensazione a cui deve seguire subito la decisione della risalita prima che sia troppo tardi, prima di perdersi per sempre negli abissi. >> spiega Valeria Golino << Viviamo in un presente che sembra negare e rimuovere costantemente la transitorietà e l’irrazionalità tipiche della condizione umana, spingendoci a credere di avere il controllo assoluto sulle nostre vite e sui nostri corpi, di poter vincere il dolore e sfuggirgli. La malattia è, invece, il luogo della fragilità e della caducità, ci mette di fronte ai limiti della nostra esperienza umana ma anche a quanto di più profondo e prezioso custodisce. >>

Molto applaudito dalla critica all’ultimo Festival di Cannes dove è stato presentato in concorso al Certain Regard, Euforia è stato scritto da Francesca Marciano, Velia Santella e dalla stessa Golino la quale è stata ispirata da molti spunti reali  in particolare da alcuni racconti di un amico che viveva una situazione personale molto difficile a causa di una grave malattia che aveva colpito suo
fratello.  << Quando siamo arrivati al momento delle riprese la sceneggiatura era già precisa e solida ma avevo a portata di mano due attori come Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio che con le loro personalità e i loro modi di essere mi hanno ispirato a raccontare sul campo ulteriori sviluppi che nel copione non erano stati troppo approfonditi. Forse non sono riuscita
a dire interamente tutto quello che volevo però credo di aver espresso qualcosa in più rispetto a quello che mi ero proposta, qualcosa che ha sorpreso prima di tutto me. >> dichiara l’attrice e regista.

Valeria Golino sarà a Napoli mercoledì 24 ottobre alle ore 20.30 al cinema Filangieri per salutare il pubblico che assisterà alla proiezione del film in anteprima.


Commenti dei lettori

Lascia una commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I Campi segnati con * sono obbligatori


Radio CRC

Current track
TITLE
ARTIST